OIP (2)

BCC: Le banche del “Potere al Popolo”

Condividi su facebook

Dal numero 8-2020 della rivista Credito Cooperativo riportiamo parte di un articolo a firma di Sergio Gatti (pag. 7) che ci invita a riflettere sulla sempre attuale formula del Credito Cooperativo, se ben attuato.
Purtroppo le BCC, dopo la riforma del 2016, stanno perdendo la loro anima evolvendo verso la cultura industriale e sono sempre più alla ricerca della grossa dimensione, mentre sarebbero ancora più cooperative se restassero piccole… Leggete queste note e calatele nella realtà che ci circonda per metabolizzare il livello di integrazione delle nostre BCC con il territorio di riferimento.

A loro modo, le BCC costituiscono una forma di “potere” di popolo. Scrive il prof. Stiglitz che le “banche cooperative sono di priorità dei loro clienti e depositanti e sono gestite nel loro interesse e in quello delle comunità di cui fanno parte: soci e portatori di interessi. Shareholders e stakeholders, in un certo senso coincidono”. Il potere di auto-organizzarsi per migliorare le condizioni di vita di persone attraverso un modello imprenditoriale del fare insieme per stare meglio. Sappiamo bene che non sono stati potentati o centri di influenza nazionali o internazionali a far nascere le Casse Rurali e le BCC. I comitati che li hanno promossi, dal 1883 in poi, sono nati nelle e dalle comunità. I cui abitanti si sono dati uno strumento di auto-aiuto, un mezzo per liberarsi dalla povertà, dall’usura, dall’esclusione. I soci sono partiti dai propri risparmi e non da donazioni o elargizioni di benefattori. Le BCC in questo senso sono forme di “potere civile”, scaturito dalla “civitas” per il futuro ben-vivere della stessa “civitas”. Quello strumento, tutto sommato ancora semplice, (raccoglie il risparmio e lo trasforma in credito per chi merita) ha mostrato di avere il potere di ridurre le disuguaglianze, di accrescere le opportunità. Strumento che riesce a incidere strutturalmente nel lungo periodo. Puntando sulla generazione di lavoro e di reddito. Che sono poi le uniche vere strade per combattere la disuguaglianza, per costruire la dignità delle persone, per creare ricchezza economica insieme a ricchezza di “senso del vivere”.

Altre News

Copertina Inaugurazione Deco - BCC Aquara

Al fianco delle Imprese del Territorio

Inaugurato oggi il nuovo punto vendita Decò nel centro della città di Agropoli. L’imprenditore 𝐂𝐚𝐫𝐦𝐞𝐥𝐨 𝐈𝐧𝐟𝐚𝐧𝐭𝐞, dopo l’apertura del maxi store Decò in località Mattine,

Vechie Glorie e Baby Tifosi - Direttore Antonio Marino e Luca Fusco

Vecchie glorie e baby tifosi

Luca Fusco, ex capitano della Salernitana, premiato alla festa a Pontecagnano da Antonio Marino, DG della BCC di Aquara Oltre 400 tifosi per una festa

Simone-Pepe-dipendente-BCC-–-Prof.-Francesco-Oliva-del-DIPMED-Unisa-–-Prof.-Nicola-Maffulli-–-DG-Antonio-Marino-–-Vice-Presidente-Lucia-Baldino.

Diamo sostanza alle IDEE

È iniziato ieri, presso l’Hotel Ariston di Capaccio Paestum, l’Incontro Annuale del progetto Europeo ITN-MSCA sulle Prospettive per l’Innovazione e il Futuro della rigenerazione Tendinea,

il Direttore Generale Antonio Marino, Giuseppe Bruscolotti, Camine Apadula

BRUSCOLOTTI, uno di noi

Questo pomeriggio, presso la Sede amministrativa della Banca a Capaccio, il Direttore Generale Antonio Marino ha ricevuto la gradita visita di Giuseppe BRUSCOLOTTI, ex calciatore,